Un romanzo che nasce sulle rive del Tamigi
15 Giugno 2016
Soul Spring: la scelta della copertina
28 Settembre 2016
Show all

Perché Londra?

Molti anni fa, quando per la prima volta visitai la capitale britannica, percepii chiaramente qualcosa nel profondo. Una sensazione di grande nostalgia e malinconia insieme. Era strano, non vi avevo mai messo piede, eppure mi sentii come fossi tornata a casa dopo una vita lontana. Londra, Londra. Una cara amica sostiene che in una vita precedente la mia esistenza è stata in quella città, la città, la metropoli, il centro del mondo. Non sono sicura di aver vissuto una vita felice però, perché spesso la nostalgia si fonde a una solitudine schiacciante. Scriverne, parlarne, guardare le vecchie fotografie, cercare informazioni in rete, mi riporta a quelle prime sensazioni. Chissà chi ero, uomo, donna, animale, povera, ricca, analfabeta, istruita… se londravivevo in una di quelle belle case vittoriane con la moquette morbida a solleticare i piedi.

Se mi concentro e chiudo gli occhi sento l’odore di Londra. Se mi svegliassi all’improvviso con una benda agli occhi in una qualsiasi delle sue strade non potrei sbagliarmi, la riconoscerei dal profumo. È suo, caratteristico. Ogni città ne ha uno proprio. Cagliari per esempio ti accoglie con l’odore di vento, Roma con quello polveroso del travertino. E Londra… lei è un mix di spezie, di umido, di acqua, di tube.

La voglia di tornare è forte, mi piace fantasticare su un futuro trasferimento, ogni tanto soffro guardando gli appartamenti in affitto e in vendita vicino Hyde Park, Soho, Camden e Fitzrovia. Certo non me lo potrò mai permettere, ma i sogni almeno per ora sono gratuiti. Aver fatto vivere Kaede e Rey nei luoghi che adoro è parte del sogno. Li ho fatti camminare, mangiare, bere, respirare nei posti che sempre resteranno radicati nel mio cuore.

Londra, per favore non te ne andare.

1 Comment

  1. Silvia ha detto:

    Mi è piaciuto quello che hai scritto nel post precedente: dedicare il romanzo a Keade e a Rey è stato il tuo modo per chiedere scusa a quei due ragazzi che si tenevano per mano sulle rive del Tamigi.
    Non potevi fare dedica più bella!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi